Vai al contenuto

Oggi voglio allietarvi la giornata con una bella recensione tripla. Ce l'avevo in caldo già da un po', ma non riuscivo a trovare il tempo materiale per pubblicarla: l'oggetto della recensione è la trilogia dell'area X di Jeff Vandermeer uscita per Einaudi nel 2015.

Trama: da venti anni circa una zona costiera, nei paraggi di un faro è inaccessibile all’umanità. La versione ufficiale parla di un disastro ecologico, la realtà del formarsi di un’anomalia che potrebbe avere qualcosa a che fare con un’invasione aliena. Per tutto questo tempo un’agenzia governativa con sede ai margini dell’area che è blindata da una barriera invisibile che distorce lo spazio/tempo tranne che per un esiguo pertugio, ha cercato di scoprire qualcosa di più mandando scienziati e militari in spedizione al suo interno. Pochi tra loro sono tornati, e di norma sono così cambiati da non sembrare più loro.

Annientamento Annientamento il primo dei tre libri si svolge tutto all’interno dell’area, dove una spedizione di quattro donne di cui non conosciamo il nome ma soltanto il ruolo (la biologa, l’antropologa, etc.) si  preparar a scendere in un bunker dove una scala a chiocciola scende nelle profondità della terra e su un muro uno strano vegetale riproduce la forma di un sermone folle e incomprensibile. E’ un inizio folgorante, dal fascino arcano che riempie di sconcerto. Ed è questo senso di alienità che porta avanti tutto il primo, per certi versi perfetto, libro della trilogia. Cento ottanta pagine di puro mistero, che ci lascia alla fine con all’incirca le stesse domande che ci ponevamo all’inizio. Ma data la storia è naturale, e poi ci sono altri due libri per chiarire.

cinque2

autoritaAutorità il secondo dei tre libri la prende più larga, siamo fuori dall’area X nell’agenzia che si occupa di studiare il fenomeno. Scopriamola donna che guidava la spedizione del primo libro, guidava anche l’agenzia. L’interim della direzione viene affidato a un esterno che nel passato si è distinto per il suo scarso rendimento. L’agenzia è di fatti fatiscente, un cimitero degli elefanti bianchi in cui nessuno investe più perché è un progetto che non pare dare alcun frutto. Vi aleggia un umanità residuale, spesso sul confine labile tra follia e sanità mentale. Cominciamo anche a sapere qualcosa di più sul passato dell’area X e forse a farci un prima idea di quello che possa essere accaduto. Il libro è cento pagine più lungo del primo, più lento, il mistero si diluisce nel profilo di personaggi (specie il protagonista) onestamente meno interessanti. Alla fine qualcosa si mette in moto, ma la noia ha già avuto il sopravvento. Comincio a sospettare la bufala.

tre

accettazioneAccettazione, l’ultimo libro della serie viaggia su piani temporali diversi e paralleli: presente, passato prossimo e passato remoto dell’area X si inseguono alla ricerca di una spiegazione, di una rivelazione che è sempre una pagina più avanti di noi.  La scrittura è, come per tutti e tre i libri, piacevole per la maggior parte ma malevolmente infestata di metafore stucchevoli. Nel complesso l’opera regge a fatica le sue 300 pagine e si sfilaccia, si sfalda sotto il peso della sua sovrabbondanza.  Qualcuno afferma che l’area X sia una metafora degli “insondabili abissi della mente”, qualcun altro ci vede “il nebuloso territorio della relazione tra un uomo e una donna”. Vandermeer per parte sua si guarda bene dallo spiegarci di cosa stava parlando. E tutto sommato è meglio così, perché alla fine è chiaro che l’unico finale che può spiegare qualcosa ha quell’andare metafisico che a chiusa di storia a cui la casa editrice ha cancellato dalla copertina l’etichetta “fantascienza” per non spaventare i lettori (ma che comunque quello è) lascia quasi sempre l’amaro in bocca.

dueemezzo

Autore: Jeff Vandermeer
Titoli: Annientamento, Autorità, Accettazione
Casa editrice: Einaudi
Prezzi: 16€, 17€, 17€

Share

E’ giunto il momento di presentarvi gli scritti di Murgo. Anzi forse abbiamo indugiato anche troppo dato che da lui prendono il nome la serie di storie (non ci stanchiamo di specificarlo: autoconclusive) di cui fa parte il Serpente di Fuoco. Per sapere chi è Murgo vi rimandiamo alla sezione omonima, in questo contesto basta sapere che si tratta di un viaggiatore che ha visitato Città del Sole e ha trascritto i suoi appunti e le sue impressioni nelle pagine di un diario.

Ciò detto, ci tenevamo a rinnovare il nostro ringraziamento a Stefano Paolini che oltre ad aver lavorato sulla copertina ha messo a disposizione le immagini della Namibia pubblicate fin qui nei post relativi a “Il serpente di Fuoco”.

E ora… buona lettura!

Dalle "Cronache di Murgo il Ramingo"

Il popolo di Città del Sole è così peculiare che non mi è mai capitato di incappare in un altro altrettanto stravagante. Essi vivono nel deserto in un isolamento così completo da non concepire quasi la possibilità di ricevere la visita di uno straniero. E in effetti il deserto si sussegue per molte decine di leghe intorno alla loro città senza un’oasi o una sorgente.

Contrariamente ai rari abitanti che vivono ai margini del deserto, gli abitanti della Città del Sole sono di carnagione chiara, per quanto costantemente arrossata da un sole intollerabile, e il colore dei loro capelli va da un castano chiaro a un biondo quasi bianco: il che lascia pensare che il deserto non sia il loro luogo d’origine.

0949

L’indole degli abitanti di Città del Sole è del tutto pacifica dal momento che la loro società è basata su un radicale rifiuto della violenza. Essi imparano infatti fin da bambini a ripudiare e temere persino il sentimento di rabbia, in quanto lo ritengono all’origine del piano inclinato che conduce all’aggressività e alla prevaricazione.

La loro società è per lo più basata sull’agricoltura ed è fortemente paritaria, tanto che l’uso della moneta è sconosciuto. Oltre ai contadini e agli allevatori, infatti, non vi sono che un pugno di artigiani il cui lavoro è comprato per baratto. Una categoria a parte sono gli esploratori, gli unici ad allontanarsi mai in maniera rilevante dalla città.

Nel Palazzo del Sole vive infine il Re con la sua famiglia, insieme a una scarna servitù e a poche altre figure di rilievo: un sacerdote e un capo costruttore, che loro chiamano Magistrato alle Acque, e i loro apprendisti. Né il Re né la sua famiglia escono mai dal Palazzo, inoltre, cosa a mio avviso sommamente inconsueta, essi non paiono avere nessuna reale facoltà di comando. Il ruolo del Re è in sostanza quello di un medico a cui i cittadini si rivolgono, però solo per curare le malattie più gravi, mentre per i malanni più lievi essi sono aiutati da popolani esperti nell’uso delle erbe chiamati speziali.

A dispetto del loro isolamento, gli abitanti di Città del Sole sono intellettualmente assai progrediti nonché benedetti da una rara inclinazione alla razionalità. Conoscono la scrittura e la matematica, tutti i bambini ricevono un’istruzione, e i più brillanti possono scegliere di divenire apprendisti artigiani e sacerdoti. Le uniche cariche strettamente dinastiche, passanti per linea di primogenitura sia maschile che femminile, sono il Re e il Magistrato alle Acque.

Share

A Maggio dell’anno scorso ho ricevuto una e-mail da parte di Donato Altomare, presidente dell’associazione World SF Italia, che mi invitava a prendere parte a un progetto antologico tutto al femminile. Onorata per la convocazione ovviamente ho risposto di sì, anche perché l’antologia aveva come tema un argomento importante, un tema a cui è stato affibbiato un nome odioso: il femminicidio.
Perché è odioso dover specificare che si tratta di vittime donne, come se non fossero prima di tutto esseri umani uccisi.

Questa differenziazione fra esseri umani maschi ed esseri umani femmine, che a mio parere è il vero cuore della piaga, mi ha riportato alla mente i racconti che sentivo da piccola, quando si diceva che in alcuni paesi dove la legge permetteva alle coppie di avere un solo figlio, le bambine appena nate non venivano riconosciute e registrate: venivano abbandonate, nella peggiore delle ipotesi uccise, annegate come si faceva con i gattini quando nei cortili dei nostri nonni le colonie feline si facevano troppo affollate. Perché avere un figlio maschio era molto meglio che avere una figlia femmina.
Fra parentesi, anche la cosa dei gattini a me ha sempre fatto venire i brividi.

Da questa riflessione è nato il mio racconto, “L’isola senza sorelle”, in cui ho voluto cimentarmi con la fantascienza, perché è il genere di letteratura che ci parla del nostro possibile futuro, e che ci mette in guardia da esso.

Altrimedia_rosaSangue

Titolo: Rosa sangue

Curatori: Donato Altomare e Loredana Pietrafesa

Autrici: Marina Alberghini, Anna Maria Bonavoglia, Sara Bosi, Denise Bresci, Mariangela Cerrino, Adriana Comaschi, Elena Di Fazio, Irene Drago, Francesca Garello, Claudia Graziani, Annarita Guarnieri, Annarita Petrino, Loredana Pietrafesa, Monica Serra, Luigina Sgarro, Giusy Tolve, Nicoletta Vallorani e Ida Vinella.

Editore: Altrimedia

Prezzo: € 20,00

 

Share