Vai al contenuto

Il Serpente di Fuoco: Capitolo primo – Dammar

Oggi vi presentiamo uno dei due protagonisti del romanzo pubblicando una parte del primo capitolo vissuto dal suo punto di vista. I fatti qui narrati si svolgono un mese prima rispetto al capitolo cornice. Buona lettura!

DAMMAR

Un mese prima

Dammar infilò due dita nella piccola zucca svuotata, le trasse sporche di unguento e se lo spalmò sulle spalle e dietro al collo.
Dopo tanti anni la sua pelle aveva assorbito i pigmenti rossi dell’ocra e non ne avrebbe avuto davvero bisogno per proteggersi dal sole. Però quel gesto, lento e antico quanto il suo popolo, era parte integrante del rituale con cui iniziava ogni nuova giornata. Gli ricordava suo padre, da cui aveva imparato tutto, e guardare la pelle così brunita dall’impasto e dal sole lo rendeva orgoglioso, perché la resistenza al bacio di Vebrah faceva di lui uno dei migliori esploratori di Città del Sole.
Un cinguettio famigliare gli fece sollevare lo sguardo. Dal ramo scheletrico sotto cui si era accampato una piccola sentinella del miele lo fissava con i suoi occhietti neri. Dammar ripose la zucca in una bisaccia, coprì di terra le ultime braci del bivacco e fece sparire ogni traccia del suo passaggio. La sentinella lanciò il suo richiamo altre due volte prima che lui fosse pronto a seguirla.
Essere scelti da uno di quei piccoli volatili bruni era un privilegio, Dammar lo sapeva bene; la giornata non poteva iniziare sotto auspici migliori. Senza perderla mai d’occhio l’esploratore la seguì attraverso le prime propaggini della savana, dove un’erba rinsecchita prendeva il posto della sabbia ed era possibile godere dell’ombra di qualche impavido albero. Il piccolo volatile si posava a intervalli regolari e ricominciava a cantare, per sincerarsi di non perdere l’uomo che quel giorno gli avrebbe procurato il cibo.
Quando finalmente raggiunsero il tronco cavo in cui era nascosto l’alveare, il disco d’oro di Vebrah era già alto nel cielo e l’aria rovente si increspava davanti agli occhi di Dammar.
– Prendile nell’ora più luminosa, quando sono stordite dal caldo. Hai calcolato tutto per bene – mormorò alla volta della sentinella che si era posata sui rami di un cespuglio spinoso, lo sguardo puntato sull’obiettivo. L’uccello rispose con un breve fischio per incitarlo. – Vado, vado.
Dammar si avvicinò alla cavità da cui proveniva un pigro ronzio. Un’occhiata all’interno gli rivelò subito la posizione del miele e quella dell’alveo della regina. Con l’aiuto di un ramo staccò con delicatezza una parte del favo pieno di miele, alcune operaie si levarono in esplorazione e presero a volargli attorno, ma l’uomo mantenne il respiro regolare e proseguì la sua operazione con gesti lenti.
Con il favo stillante miele ben infilzato sulla punta del ramo, l’esploratore si allontanò camminando all’indietro fino a raggiungere il cespuglio su cui l’attendeva la sentinella. L’uccellino si alzò in volo e intercettò con beccate precise le ultime api che avevano inseguito Dammar fino a lì.
– Ecco. – L’uomo spezzò una porzione di favo e la posò a terra. – Come d’accordo questa è la tua parte di bottino. La sentinella gli rispose con un fischio e, dopo aver compiuto un breve volo attorno a Dammar, atterrò accanto al favo dorato posato a terra. Mentre l’uccello affondava il becco nella dolce refurtiva, l’uomo trasse di tasca un involto di foglie e le utilizzò per ricoprire il resto del miele, poi si leccò le dita per ripulirle e depose il pacchetto nella sacca che portava sulla schiena. – Bene, amico mio, è stato un piacere collaborare con te. Ricordati della mia generosità, la prossima volta che avrai voglia di miele.

capitolo-primo-dammar-2

Raggiunse il villaggio al tramonto. Era una piccola comunità, formata da due famiglie di quattro generazioni ciascuna, il cui fulcro era rappresentato da due vecchie sorelle. I bambini come sempre furono i primi a vederlo e, cinguettanti come sentinelle del miele lo accompagnarono alle tende correndogli intorno, nudi e con la pelle scura impolverata di rosso. Dammar si avvicinò al fuoco al centro dello spiazzo dove erano sedute le due capostipiti.
– Nala, Nava, ben trovate – disse sedendosi di fronte a loro, pronunciando i due nomi accompagnati da un piccolo fischio e due schiocchi della lingua.
– Il suono delle tue parole sta diventando buono, Dammar–Occhi di cielo. Ti sei esercitato nel parlare la nostra lingua? – rispose Nala.
Le due donne erano pressoché identiche con piccoli occhi infossati e zigomi sporgenti. Entrambe avevano il collo ornato da file e file di collane colorate che ricadevano in massa sui petti ossuti.
– Gli uccelli sentinella sembrano apprezzarle più delle mie, uno di loro oggi mi ha condotto a un grosso nido di api. Vi ho portato il miele in dono.
Le due donne si scambiarono un’occhiata e i loro volti rugosi si raggrinzirono ancor più quando le bocche si aprirono in larghi sorrisi sdentati. – Dammar sa quanto noi vecchie senza denti apprezziamo il miele – rise Nala.
– Hai lasciato una parte del favo alla Sentinella? – lo ammonì Nava con sguardo serio.
– Sì, saggia madre. Ho rispettato il patto con la Sentinella del miele, come mi avete insegnato.
Il viso di Nava si distese. – Bravo, figliolo, così non dovrai temere la sua vendetta.
I bambini nel frattempo erano corsi ad avvertire i genitori e dopo pochi istanti altre persone uscirono dalle tende a forma di cupola e si unirono a loro. Una giovane donna dalla pelle liscia e dai piccoli seni nudi accompagnò un uomo curvo e zoppicante che volle sedere accanto a Dammar.
– Bentornato Dammar – lo salutò con voce chiara fissandolo con occhi velati.
– Grazie Kat Kat. Accomodatosi a terra il vecchio posò la piccola mano sul braccio di Dammar e lui gliela strinse con la sua, tanto più grande da ricoprirla.
Un’antilope era stata macellata e la carne sfrigolava sulle pietre immerse nelle braci chiazzandole di grasso sciolto. Quando le gocce raggiungevano la fiamma producevano un sibilo seguito da un piccolo schiocco. A Dammar vennero offerti dei tuberi cotti nelle braci, ancora roventi e coperti di fuliggine. – Sicuro di non voler mangiare la nostra carne, Occhi di cielo? – lo tentò Nala con sguardo malizioso, porgendogli un grosso boccone luccicante.
Dammar le sorrise di rimando e scosse la testa. – No, sai che le leggi della mia gente lo proibiscono.
– Le leggi della tua gente sono stupide – borbottò la fanciulla che aveva accompagnato Kat Kat al fuoco. Dammar la riconobbe solo in quel momento: il suo nome era Louta e l’ultima volta che era stato in visita al villaggio era ancora una ragazzina. Il sangue della carne le imbrattava il mento e le dita e la luce del falò creava arcani riflessi sul suo volto. Sollevando gli occhi neri e sfrontati sull’ospite, Louta rincarò con tono sprezzante. – La carne rende forti gli uomini e fertili le donne. E Kaggen ha creato gli orici e i gemsbock perché noi possiamo essere forti e fertili. Li ha creati per noi, per i leoni e per i leopardi, e per gli orici e le antilopi ha creato la savana, perché possano crescere e ingrassare per noi. Fa parte del cerchio.
Tutti i presenti annuirono. Kat Kat sorrise e invitò con un cenno del capo Dammar a replicare.
– Anche il popolo di Città del Sole mangia la carne per diventare forte e fertile – spiegò loro l’esploratore con tono paziente. – Però le nostre leggi dicono che non possiamo provocare la morte di nessun essere vivente, così aspettiamo che l’animale muoia da solo. Dopo possiamo mangiarlo.
Louta emise un verso di scherno. – Se mangiate solo animali morti di vecchiaia o di malattia i vostri figli nasceranno deboli e malati!
Dammar sentì una mano posarsi sul suo bicipite e dita ossute che lo stringevano, Nava gli stava tastando i muscoli. – Se tutti i Figli del Sole sono come lui, allora il loro dio splendente li protegge anche se mangiano carne dura e vecchia – sogghignò.
Tutti si misero a ridere, di quella risata pura e totale che Dammar aveva scoperto per la prima volta fra quei piccoli uomini. I Koikoi trovavano il lato buffo di ogni cosa e quando ridevano lo facevano con tutto il corpo: con la voce, con gli occhi, con le mani e con i piedi.
Alcuni uomini si alzarono e si affiancarono a Dammar con le braccia sollevate per confrontare i muscoli e le donne ne provavano la solidità con le mani emettendo giudizi con sguardi saputi. Quando al confronto si presentò un uomo secco come uno sterpo, sua moglie Fitjie lo schernì sollevando le braccia al cielo nella posizione della mantide, l’insetto con cui raffiguravano Kaggen, la dea della vita. – Ohi ohi! Ti prego Kat Kat, prepara subito una tisana di fiori di tontbos per rendere forte mio marito!
L’uomo non si risentì e, sollevando il piccolo quadrato di pelle che gli copriva le parti intime iniziò a rincorrere la moglie. – È più importante il braccio che semina figli di quello che scaglia la lancia! Fitjie prese a fuggire attorno al fuoco lanciando strilli divertiti.

continua...

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *