1

Nuovo appuntamento con le recensioni del Fantastico Italiano.
Oggi vi parlo de "La maga di Reinkar", opera prima di Alessia Francone, disponibile in versione cartacea sulla piattaforma di Lulu oppure in e-book negli store on-line. Il romanzo consta di tre racconti che vedono al centro della scena gli stessi protagonisti.

La maga di Reinkar

Trama: Fra gli alberi antichi della quieta Foresta di Smeraldo, la giovane Selene apprende a padroneggiare la magia, avviandosi a diventare una donna matura e risoluta. Tuttavia un segreto si nasconde nel suo passato... La ricerca della verità sarà solo l’inizio di una serie di avventure che cambieranno la sua vita: in viaggio attraverso luoghi nuovi e sconosciuti, dove incontrerà alleati e nemici, Selene dovrà lottare contro poteri arcani e avversari spietati, destreggiandosi in un mondo intessuto di magie luminose e oscure, coraggio e insidie, amicizia e intrighi. Il libro comprende i racconti fantasy "La maga della luna", "Lo Specchio del Silenzio" e "Il rivale".

Commento: La prima cosa che traspare leggendo “La Maga di Reinkar” è che l’autrice ha la passione e il piglio della “creatrice di mondi”. Tutti gli scrittori possono specializzarsi in uno degli aspetti del romanzo: la psicologia dei personaggi, l’intreccio della trama; gli autori di fantasy hanno una possibilità in più, cioè quella di diventare creatori di mondi.
Nei tre racconti che compongono questo volume la cosa è resa evidente dalle differenti ambientazioni che i protagonisti devono attraversare. Il paesaggio muta di continuo: attraversiamo deserti, foreste, reami, montagne, paludi. Le stesse mappe di Reinkar e Asterus che si possono vedere sul sito dell’autrice sono indice di questa inclinazione.
Ma entriamo nello specifico del romanzo.
L’impronta di base è quella di un fantasy di stampo classico. Personaggi che si ritrovano a dover compiere ricerche e missioni per sconfiggere avversari malvagi; creature fantastiche (a Reinkar incontriamo chimere, draghi, animali parlanti) e soprattutto, ovviamente, la magia, padroneggiata da alcuni personaggi, declinata sia nella versione bianca che in quella oscura.
Lo sviluppo narrativo è veloce, anzi, direi quasi velocissimo. Coadiuvate da uno stile asciutto e scorrevole le avventure di Selene e di Arne Von Wolden (rispettivamente la protagonista e il co-protagonista) scivolano rapide fra le pagine. Persino il fatto che i due protagonisti, figli di un’ambientazione medievaleggiante, mantengano sempre un registro di linguaggio piuttosto formale, non risulta eccessivamente ostico alla scorrevolezza della lettura.
I finali, cioè la risoluzione dei problemi da cui prendono l’abbrivio i racconti, rispettano le aspettative del lettore. Proprio qui però sta quello che secondo me è uno dei due difetti principali del romanzo. Selene e Arne incontrano diversi ostacoli lungo il loro cammino: di natura geografica, magica e in forma di antagonisti. Ogni volta riescono a superarli, ma l’impresa è sempre un po’ troppo facile e la sfida perde quasi sempre subito la suspense data dal dubbio “Oddio ma questa volta ce la faranno?”.
Gli aiuti ricevuti da creature magiche e da persone buone incontrate lungo il cammino e il fatto che Selene padroneggi alla perfezione fin dall’inizio del romanzo sia l’uso delle armi che quello della magia, rendono ogni difficoltà quasi nulla per i nostri eroi e questo toglie un po’ di mordente alla storia.
Lo so che è difficilissimo trattare male i propri personaggi, perché sono un po’ pezzi d’anima dell’autore. Però è proprio il grado di difficoltà con cui la storia li mette alla prova che può renderli davvero personaggi memorabili.
Il secondo difetto riguarda la tecnica narrativa. Questo è un romanzo d’esordio ed è naturale che non sia perfetto. Perché quello dello scrittore, come tutti i mestieri, si può imparare solo scrivendo e ovviamente il romanzo successivo sarà sempre migliore di quello che l’ha preceduto.
Consiglierei ad Alessia di utilizzare di più la tecnica dello “Show don’t tell”. Non solo per rendere giustizia ai mondi da lei creati e descrivere al meglio una cosa speciale come l’utilizzo della magia, ma anche e soprattutto per rendere più vivide le azioni e gli stati d’animo dei personaggi, per renderli più veri e, come si dice, “farli saltare fuori dalla pagina”.

tre

 

 

Ho comprato questo libro alla Miskatonic alla presentazione di Strane Visioni, il libro che raccoglie il meglio delle prime tre annate del premio Hypnos – la cui quarta edizione ha espresso giusto in questi giorni i suoi finalisti. Ho scoperto lì che anche Hypnos, un po’ come Vincent, ha messo in cantiere una collana di novelle, chiamata Visioni. In quel momento ne erano state pubblicate due (direi che stesse uscendo il terzo volume) adesso siamo a cinque e io li vorrei tanto comprarle e leggerle tutte, esattamente come quelle della Vincent, ma ci ho messo sei mesi solo a leggerne una per cui è meglio che io mi contenga!

lovecraft-museum
La copertina del libro

Cosa dire quindi di questo Lovecraft Museum? Il “prodotto libro” è ottimo. Dalla carta, alla grafica, alla traduzione all’editing e in effetti non mi aspettavo nulla di meno da questo punti di vista. E il testo? Il testo è interessante, affascinante, ben scritto, piacevole da leggere. Ma non posso negare di averlo trovato un po’ troppo criptico e per certi versi irrisolto. O mi è sfuggito qualcosa, o manco dei riferimenti giusti (o non li ho colti) perché sebbene io ami anche i finali aperti, se me li si vende bene, mi è rimasto comunque sul fondo dello stomaco un retrogusto di spiegazione non data.
C’è un uomo che vive in una casa nei pressi di un parco tra i cui resti si trovano rovine esoteriche. L’uomo ha una moglie, che muore di malattia, e un figlio dai comportamenti alquanto anomali grande amante di quel parco di fronte a casa in cui l’uomo non mette mai piede. L’uomo potrebbe essere schizofrenico o avere una sorta di sindrome di Asperger e i mondo fuori dalla sua casa lo spaventa molto, ciò nonostante dopo la morte della moglie porta il figlio in un viaggio in Inghilterra e lì lo perde. Forse è lui a scappare o forse lo rapiscono, fatto sta che il ragazzo sparisce nel nulla. L’uomo ha una passione per Lovecraft che condivide con un amico di penna inglese, il quale qualche anno dopo la scomparsa del figlio lo invita a Londra a visitare l’appena nato Lovecraft museum.

SteveRasnicTem
Steve Rasnic Tem

Londra è tappezzata di pubblicità in cui bambini non proprio felici coccolano animali mai visti e dalle forme bizzarre… e a tutti sembra cosa normale. Forse è solo una moda del momento, forse allucinazioni dell’uomo, più probabilmente l’inizio di un’invasione. L’amico di penna inglese di persona si rivela freddo, scostante, sfuggente: forse è lui che ha rapito il figlio dell’uomo molti anni prima, e infatti all’uomo pare di vederlo al fianco dell’amico mentre lo seminano lungo le stanze di un museo che pare un ipercubo che proietta su dimensioni differenti. O forse anche questa è solo una visione dovuta a un mix tra lo stato mentale alterato dell’uomo e del suo ossessionante senso di colpa per quel figlio perduto. Quel che è certo è che il poliziotto che lo interroga, in un saltabeccare tra presente e passato - dai contorni mal definiti dal punto di vista della scrittura, a mio parere unico neo stilistico del testo - non sembra affatto più sano di lui.
E quindi? Mah! Nel complesso io per questo testo ho provato soltanto una fascinazione fredda e formale che non è stata in grado di inquietarmi nè di toccarmi un po' più in profondità.

tremezzo