Vai al contenuto

Oggi vi presentiamo Amber, la seconda protagonista del romanzo, pubblicando una parte del secondo capitolo che si svolge dal suo punto di vista. I fatti qui narrati, si svolgono in contemporanea (anzi poco dopo, ma comunque non c'è intersezione tra i due capitoli) agli avventimenti del primo capitolo che ha per protagonista Dammar.
Buona lettura!

Amber aprì l’occhio destro con pigra irritazione.
Il possente Vebrah, filtrando attraverso le tende che oscuravano la piccola finestra quadrata della sua stanza, l’aveva raggiunta nell’angolo più lontano del suo giaciglio e le pizzicava le gambe. Questo significava che l’ora era ormai tarda e non poteva sottrarsi oltre all’incombenza di alzarsi.
Sospirò e con lentezza si sedette sul bordo del letto. Accanto al catino per l’acqua Uncaria le aveva lasciato una tazza di latte di dromedario, un piccolo pane e una ciotola con alcuni fichi d’india già sbucciati. La principessa sospirò, avrebbe preferito un altro frutto, una banana o qualche fetta d’ananas, l’ancella sapeva che i fichi d’india l’attraevano ben poco: decise che li avrebbe lasciati dov’erano.
Si rinfrescò il viso e il collo con l’acqua del catino, poi si dedicò al latte e al pane. Come ogni giorno appena alzata aveva la sensazione che non sarebbe riuscita a deglutirne nemmeno un boccone, invece dopo il primo morso si scoprì affamata e lo finì in pochi istanti.
namibia_b0050_modRinfrancata dalla colazione, indossò una tunica chiara e imboccò la porta delle sue stanze. Sulla soglia si fermò indecisa, le seccava ammetterlo ma aveva ancora fame. Sbirciò i fichi di sghembo, erano rossi, maturi e ancora lucidi del loro succo. Dopotutto, pensò, la sua protesta del cibo poteva attendere un altro giorno.
Prese i fichi e si affrettò fuori dalla camera.
Il Palazzo del Sole aveva la forma di una gigantesca ciambella di quinoa al miele. Le mura esterne dominavano la città, ma a eccezione del Padiglione della Cura, alloggiavano solo pochi corridoi di osservazione. Le stanze di Amber e degli altri abitanti del Palazzo guardavano invece al perimetro interno, un grande pozzo circolare in fondo al quale era adagiato il Giardino dell’Ombra. Sette piani di camminamenti conducevano dalle stanze del Re fino al giardino.
In tutto il Palazzo vivevano appena una decina di persone, ed erano le uniche che la principessa avesse mai conosciuto nei suoi quindici anni di vita. C’erano, certo, i fuggevoli incontri con gli Speziali, con i Maestri della Pietra e con i popolani nel Padiglione della Cura, ma con nessuno tra loro scambiava mai più di una parola.
Amber rivolse lo sguardo verso il cielo, Vebrah risplendeva abbagliante come ogni giorno e di lato un piccolo sbuffo di garza bianca decorava solitario l’azzurro sconfinato. La principessa sorrise, se fosse stata una persona superstiziosa avrebbe interpretato quel raro evento come il presagio di una giornata eccezionale.
Prese verso destra in direzione delle scale, Uncaria di certo l’attendeva nel Giardino dell’Ombra, e con la calura che cresceva non vedeva l’ora di raggiungerla.
Al piano sottostante deviò verso la scala più lontana per aggirare le stanze di Jasper, il figlio del Magistrato alle Acque. Si sentiva ormai fuori pericolo quando una voce la chiamò dall’altro lato del pozzo.
– Amber aspettami! – strillò il ragazzo scorgendola da lontano.
Amber si fermò contrariata. Jasper aveva un anno più di lei e fin da bambino studiava per prendere il posto del padre. Non era un cattivo ragazzo, ma non pareva mai rendersi conto di quando lei era stanca della sua compagnia.
– Buongiorno – la salutò trafelato.
– Buongiorno, Magistrato – rispose lei con finta deferenza.
– Non sono ancora Magistrato, Principessa – rispose Jasper, quasi che lei non lo sapesse.
–Scusami Jasper, ma oggi non ho tempo per chiacchierare, ieri abbiamo legato le orchidee di mezzanotte e sono ansiosa di vedere il risultato – cercò di defilarsi.
– Scendiamo insieme per un pezzo, mi hanno appena convocato alle cateratte.
Oggi ho proprio tutte le sfortune.
– Si sono intasate di nuovo le tubazioni? – domandò.
– So solo che è suonata la campanella nella mia stanza. Tre sequenze di rintocchi.
– Una convocazione urgente! Che cosa sarà mai successo? – sdrammatizzò lei.
Jasper si strinse nelle spalle senza replicare, Amber scorse un velo di preoccupazione sul suo volto. Mentre un’altra rampa di scale li portava un piano più sotto, fra loro cadde un silenzio inaspettato. La principessa studiò l’altro di sottecchi: allampanato e dall’andatura caracollante, denti sporgenti e naso piatto, Jasper non era ciò che Amber avrebbe definito un bel ragazzo. Non che ne avesse conosciuti molti, in ogni caso.
Il suo silenzio però la turbava. Al contrario del padre, che si interessava solo di scienza idraulica, Jasper leggeva molto, e non mancava mai di tediarla con disquisizioni interminabili. A volte aveva l’impressione che tutto quel parlare fosse un goffo tentativo di corteggiarla. Naturalmente ciò non aveva senso: secondo la tradizione la linea di successione del Magistrato alle Acque e quella dei regnanti non si potevano intersecare. Lei era destinata a sposare un popolano, probabilmente un Maestro della Pietra.
Amber scosse il capo contrariata. Tutto quell’ossequio nei confronti di una polverosa tradizione le pareva così assurdo! Per quale motivo non poteva essere libera di sposare Jasper, se lo avesse voluto? Non che lo volesse, ovviamente.
Alle loro spalle si udì un passo strascicato, Amber non si voltò nemmeno a guardare, sapeva già di chi si trattava: il suo umore peggiorò ulteriormente.
Quella donna mi sta di nuovo seguendo.
All’improvviso sentì l’esigenza di riprendere la conversazione. – Suvvia Jasper non preoccuparti, prima ho visto una nuvola in cielo, non può essere nulla di grave.
– L’ho vista anch’io – dichiarò l’altro. – Ma tu non credi a queste cose, giusto?
– Infatti. Saranno di certo notizie pessime – lo punzecchiò.
Jasper non raccolse e la principessa era già pronta a chiedere indietro la versione ciarliera del suo amico, quando giunsero al bivio per le cateratte. Una scalinata stretta e buia si gettava nelle profondità del Palazzo e venti gradini più sotto si concludeva contro una porta chiusa a chiave. Amber era stata soltanto una volta in quel regno misterioso, ed era talmente piccola che non avrebbe saputo dire quante delle immagini nella sua mente fossero frutto di ricordi e quante di fantasia.
– Io scendo di qua – affermò Jasper rimarcando l’ovvio.
– Buona giornata – rispose Amber.
– Anche a te – concluse lui, ma non fece cenno di imboccare la scala. La principessa stava per riprendere il cammino, quando spuntò la donna. Era un fagotto piccolo e grigio raccolto in una veste informe, un volto rubicondo su cui erano piantati dei radi capelli bianchi.
Amber la affrontò con piglio. – Che cosa ci fai, qui?
Per tutta risposta la donna mise in mostra un sorriso ebete e sdentato e protese verso di lei un piccolo fiore appassito, biascicando sillabe incomprensibili.
– Smettila di seguirmi e torna nelle tue stanze! Non ho tempo per te, oggi! – la rimbrottò.
La principessa mosse due passi minacciosi e l’altra batté in ritirata lasciando cadere il fiore.
– Dovresti controllarti meglio – la rimproverò Jasper.
Amber si sentì avvampare di vergogna. Fin da bambini al popolo di Città del Sole veniva insegnato che la rabbia era il primo passo verso la violenza. Lei però non era mai stata brava a dominare quel che provava. Spesso faticava persino a nasconderlo. – Mi segue di continuo – si giustificò.
Il ragazzo superò Amber e raccolse il fiore. Cercò di tenerlo dritto, ma era avvizzito senza speranza. – Voleva essere gentile, ti aveva portato un fiore.
– Lo fa un giorno sì e uno no – tagliò corto Amber. – Vorrebbe che la portassi nel Giardino dell’Ombra.
– E perché non lo fai?
– L’ho fatto qualche volta, ma devo tenerla sempre sott’occhio. Il mese scorso l’ho lasciata sola un momento e si è messa a strappare gli astracolli. Ci avevo messo tutta la mattinata a pulirli dalla muffa verde.
– È un anno che lotti con la muffa verde degli astracolli, forse estirparli e piantarne dei nuovi poteva essere una buona idea – suggerì Jasper.
– Forse – concesse Amber plumbea, – ma sono io la responsabile del Giardino dell’Ombra, devo essere io a decidere, non lei.
Jasper annuì remissivo. – Devo andare – mormorò, e si allontanò.

Il Giardino dell’Ombra era stato costruito al livello del suolo. Dal piano più basso del palazzo una lunga scalinata conduceva a un piccolo ballatoio da cui era possibile osservare il lago di acqua cristallina punteggiato di vasche e isolotti collegati da ponticelli di pietra.
A metà della scalinata principale, un passaggio dava accesso a una balconata circolare dove erano invasate decine di Ficus Eliofili che filtravano la luce del sole proteggendo le più delicate tra le piante sottostanti.
Amber spuntò sul ballatoio e si prese alcuni istanti per dare un’occhiata al giardino nel suo complesso. Amava quel luogo più di ogni altro nel Palazzo. Ogni scusa era buona per passarvi del tempo, anche pulire a una a una le foglie degli astracolli dalla muffa verde con l’acqua sulfurea.
Un movimento in una delle vasche più lontane la informò della presenza di Uncaria, l’ancella sollevò la testa e le si fece incontro di buon passo.
Amber scese l’ultima rampa con lentezza, l’altra la raggiunse sull’ultimo gradino. – Principessa, le orchidee non si sono dischiuse! – la accolse con voce trafelata. Avevano passato tutto il pomeriggio precedente a legare le foglie di un’orchidea su due per sollecitarne la fioritura, Amber si era occupata del lato alla sinistra della scala, Uncaria del destro.
– Ho visto – confermò Amber. In realtà alcune orchidee nelle vasche di sinistra si erano schiuse, ma il risultato era comunque deludente.
Tu le avrai legate troppo strette, come sempre.
Sapevano entrambe che l’ancella era assai meno tagliata della principessa per la cura del Giardino, non c’era motivo di rimarcarlo.
– Non devi preoccuparti, è probabile che si schiudano domani notte, o quella dopo. Facciamo due passi, forse capiremo che cosa non ha funzionato.
Amber camminò in silenzio attraverso il primo dei ponticelli e poi si diresse verso le vasche a sinistra. Le orchidee di mezzanotte germogliavano nella terra pregna d’acqua e poi, appena il loro fusto si innalzava di pochi pollici, le loro vasche venivano inondate. Ogni pianta faceva un unico  fiore che sbocciava nottetempo e viveva appena un paio di giorni. Dopo essere stato essiccato se ne ricavava un decotto dalle proprietà analgesiche ed euforizzanti che veniva somministrato ai bambini durante il rito della Scottatura.
Amber osservò due vasche poi si chinò sulla terza e vi immerse la mano. – C’è poca acqua – sentenziò. Uncaria giunse le mani, sul suo volto si disegnò un’espressione costernata.
Amber scosse il capo, l’ancella aveva quasi vent’anni, ma a volte le pareva una bambina. – C’è anche poco ricircolo, l’acqua si sta scaldando – aggiunse.
– Che cosa possiamo fare? – domandò l’altra con un senso di allarme. – Il rito della Scottatura è tra meno di dieci giorni, come faremo se le orchidee non fioriscono in tempo?
– Prepareremo i pani con i fiori che abbiamo. Se non bastasse aggiungeremo un po’ di escolzia – rispose Amber, ma i suoi pensieri erano già diretti altrove. Osservò la più vicina tra le bocche che davano acqua al giardino, il flusso era insolitamente scarso.
– Ma il rito vuole che usiamo le orchidee! Cosa penserà di noi Vebrah, se utilizziamo qualcos’altro?
Amber scosse il capo, detestava tutti i riti e specialmente quello della Scottatura: che senso aveva esporre per un giorno intero i bambini all’asprezza di Vebrah? Anche gli adulti passavano in casa le ore più calde della giornata, e si proteggevano dal sole ogni volta che potevano.
– Penserà che abbiamo finito le orchidee – affermò Amber.
Uncaria la guardò con un misto di stupore e biasimo, la principessa si affrettò a correggere il tiro. – Ma non devi preoccuparti, non sarà necessario.
L’ancella si rasserenò. – Cosa volete che faccia?
– Slega le orchidee che non sono fiorite, finché l’acqua è bassa rischiamo solo di peggiorare le cose, nel pomeriggio decideremo se legarle di nuovo. Tra un po’ andrò a parlare con mio padre.
L’ancella guardò Amber supplichevole, avrebbe voluto che il Re fosse informato al più presto.
– Tra un po’ Uncaria, ora voglio dare un’occhiata all’elicriso e alla piantaggine – disse, ma sapevano entrambe che, dopo un breve giro di perlustrazione, sarebbe finita a curare gli astracolli.

Share

E' con un certo orgoglio che vi annunciamo ufficilamente di avere fissato una presentazione in anteprima de Il serpente di fuoco alla libreria Miskatonic University di Reggio Emilia nella data di sabato 22 ottobre alle ore 17:30.

Avremmmo voluto dare a tutti più preavviso ma la cosa si è svolta più velocemente del previsto, per cui siccome in questa anteprima giochiamo in traferta invitiamo vieppiù tutti gli interessati a venire a fare il tifo! Per maggior informazioni tenete d'occhio l'evento sulla sua pagina facebook.

miskatonic_resized

Prendiamo anche la palla al balzo per inaugurare due nuove pagine del sito, ossia quella denominata Presentazioni, che per ora è un può vuota ma vi garantiamo che a breve si arricchirà di altri eventi, nonché Dove trovare le cronache per localizzare il nostro libro in cartaceo "sul territorio" e negli store online, nonché nella versione e-book.

Share

Un breve post per ricordare a tutti gli interessati che è in dirittura d'arrivo il giveaway organizzato da "Leggere italiano Blog Tour".

2wq73ig-jpgSe volete ricevere una copia de "Il serpente di fuoco" leggete e commentate i due post relativi al libro che si trovano all'interno dell'iniziativa:

la recensione su Universi incantati
e
l'intervista su il mondo di M

E compilate il form relativo al giveaway che si trova in fondo ai post. Avete tempo fino al 9 ottobre per partecipare all'estrazione.

In alternativa se siete iscritti ad Anobii, potete partecipare alla catena di lettura.

logo-anobii

In pratica sarà sufficiente segnalare il vostro interesse con un commento per essere inseriti in una lista di lettori che riceverà per posta il libro dall'utente precedente della lista e a lettura ultimata lo spedirà al successivo. In cambio di questo vi si chiede soltanto di inserire il volume nella vostra libreria virtuale e di attribuirgli un commento e un voto.

Share

3

Con la recensione di oggi relativa a “La medusa” di Romina Casagrande concludiamo i nostri articoli all’interno del progetto Leggere Italiano Blogtour.  Siccome né io né Sara avevamo mai partecipato a un blogtour è stata a suo modo un’esperienza interessante e intensa, a cui speriamo di avere dato un contributo positivo!

2wq73ig-jpgIl romanzo è in giveaway per cui iscrivetevi alla newsletter di Mekbuda/Mebsuta, commentate questo post e gli altri dedicati al romanzo (dovrebbero uscirne un paio sul blog di Mirta di qui alla fine del blogtour) per partecipare all'estrazione del libro.

71oj02ehhslTrama: Nel 1816 al largo della costa del Senegal la fregata Meduse si arena tra le acque basse. I notabili che si trovano sull’imbarcazione vengono caricati su lance di salvataggio, mentre per tutti gli altri (centocinquanta persone tra soldati e cittadini comuni) viene costruita una zattera, che dapprima viene trainata e quindi abbandonata al suo destino. Quando una nave incrocerà i naufraghi solo quindici persone saranno ancora vive, e quelle quindici per mantenersi in vita avranno dovuto macchiarsi di indicibili delitti. Sarà Charlotte, emigrante francese  e sorella del piccolo Luc a raccogliere in un lazzaretto ai confini del mondo la testimonianza di uno dei sopravvissuti, trascrivendola in una lettera che dovrà essere consegnata a una ragazza di Parigi.
Nel 1819 l’eco di quel che è avvenuto è giunto fino alla capitale, e il fatto di cronaca è entrato a far parte dell’immaginario collettivo tanto da ossessionare il pittore Theodore Gericault che da mesi lavora nel suo studio per farne un dipinto. Liz, cameriera in una casa chiusa, in cui vive insieme al figlio Titù incontra Louis, aiutante del pittore Gericault e gli promettere rivelazioni sulla Meduse, Titù infatti è un bambino speciale, non parla ma attraverso i suoi disegni gli spiriti di coloro che sono morti al largo del Senegal cercano di raccontare quanto è accaduto.

La medusa è un romanzo elegante e ben strutturato: passato e presente si alternano incorniciati da sezioni che portano il nome dei colori della tavolozza di Gericault. L’intreccio funziona bene e trova una sul risoluzione finale che io ho trovato pienamente soddisfacente. L’ambientazione storica è ben ricostruita (o piuttosto credo che dovrei dire, a me ha rimandato una sensazione di rigore, ma non sono uno storico) con la giusta dose di dettagli, né troppi né troppo pochi. Per quanto riguarda i personaggi, sono ben descritti e ci appassionano alle loro vicende. L’unico appunto che mi sento di fare è sullo stile, nulla da eccepire sulla sua correttezza e bellezza formale, ma l’ho trovato troppo ricco di metafore, similitudini e più in generale di periodi ellittici che rallentano la lettura diminuendone il piacere.

Per concludere è importante da sapere tutto il libro trasuda una grande passione per la letteratura ottocentesca, ricca di segreti indicibili, malvagità inaudite, storie d’amore e morte coniugati con un certo pudore del racconto: a voi decidere se dal vostro punto di vista la cosa rappresenta un pregio o un difetto.

Io in questo caso l’ho apprezzato.

quattro

Autore: Romina Casagrande
Titolo: La medusa
Casa editrice: Arkadia editore
Prezzo: 15,00€

Share

Eccoci alla nostra seconda recensione nel contesto di Leggere Italiano Blogtour. Come alla maggior parte dei libri del Blogtour anche a questo è legato un giveaway, ma siccome io sono stato troppo tonto per aver essermi dotato nei tempi giusti dell’opportuno modulo di google, vi rimando per la sua compilazione all’articolo sul blog di Gioia Anassagora che lo ha già creato. Tanto comunque per partecipare al giveaway dovete commentare sia il nostro articolo che il suo! Mi raccomando dovete seguire anche la pagina facebook dell'autore e iscrivervi al nostro blog!

2wq73ig-jpg

Preambolo: questo blog si occupa di fantastico e questo libro non ha nulla che vada “al di là del reale”, pertanto questa recensione è destinata a rimanere in qualche modo un'eccezione all’interno del nostro blog. Ho scelto (dovrei dire "abbiamo", ma questo l'ho scelto proprio io) anche questo libro per il blogtour perché porta come titolo un  riferimento a vita e opere di Lindo Ferretti (ex frontman dei CSI e CCCP).
E ora via con la recensione vera e propria!

41qfryakedlTrama: Nicola è rimasto folgorato da un viaggio improvvisato effettuato nell’Europa dell’est, cominciato a rimorchio di una coppia di amici e continuato in solitaria. Da quel punto in poi il suo modo di viaggiare, ma anche la sua vita, non saranno più gli stessi. Dopo la laurea e un annetto di impiego a Roma per un’azienda che organizza eventi lascerà il lavoro per cercarne uno migliore, tra mille sbronze, contraddizioni e crisi di coscienza effettuerà altri viaggi, tenterà l’espatrio, lo studio all’estero,  il lavoro in un azienda della famiglia allargata e finirà in Perù prima per visitarlo e poi come luogo di rifugio per scrivere il suo libro (questo), fino a quando persino la sua salute chiederà un conto assai salato.

Nicola Fermani ha all’incirca la mia età, per cui tra me e Fedele alla linea si è creato innanzitutto un legame generazionale.  Rivedo nelle disavventure del protagonista, raccontate a cuore aperto e senza reticenze, anche alcune le contorsioni della mia vita e di quella di molte persone che conosco. Avete mai sentito parlare della cosiddetta “crisi post-laurea”? E’ quella che si prova quando si conclude oltre ogni ragionevole dubbio il percorso che altri (le istituzioni, i genitori) hanno descritto per noi: il mondo si espande in una miriade di possibilità e se non ci arrivi già con un progetto, o rifiuti l’idea di creartene uno preciso, è un attimo che la tua vita rimanga impantanata nella vertigine di questa libertà. In quella terra di mezzo tra una tardiva adolescenza e un’incompiuta età adulta ci si può anche passare, letteralmente, la vita. Non so se fosse esattamente questo il tema che voleva esplorare Nicola scrivendo questo libro, ma di certo questo è il significato che ha avuto per me.

Quindi mi è piaciuto il libro di Nicola? Così così. La scrittura è buona, scorrevole, a volte spumeggiante, per cui il libro si legge di volata. Nel complesso ha diverse frecce da sparare per le persone a cui piacciono i modelli a cui si ispira (il primo che mi viene in mente è il Gianluca Morozzi de “L’era del porco”). Però è anche vero che non ho provato eccessiva simpatia per l’autocompiacimento con cui procedono le avventure del protagonista e anche un interesse moderato per le sue riflessioni e digressioni “filosofiche”: in un libro come questo in cui tutta la vicenda è portata avanti dal protagonista (gli altri personaggi, come pure i luoghi, hanno rilievo marginale) questo è, ahimè, l’aspetto determinante.

Per concludere così come ho cominciato una parola sul titolo. Come ho detto la citazione da Lindo Ferretti è uno degli elementi che mi ha attratto. Confesso di averla trovata pretestuosa per quasi tutto il libro: non mi era chiaro, al di là delle passioni musicali dell’autore, che cosa mi volesse comunicare. Poi però ho riflettuto meglio, Ferretti è un tipo contraddittorio, ha combattuto tutta la vita la famiglia e la chiesa come istituzioni (parole sue) e alla fine si è ritirato a vivere nella sua famiglia e chiesa. Quindi “Fedele alla linea” significa in realtà “Infedele a qualunque linea ideale ma fedele a sé stesso”.
E allora tutto sommato la citazione ci sta.

dueemezzo

Autore: Nicola Fermani
Titolo: Fedele alla linea - in fuga verso me
Casa editrice: Eremon Edizioni
Prezzo: 2,49€ (ebook)

Share

Eccoci qui con una delle novità di settembre. A luglio abbiamo deciso di partecipare al blogtour organizzato da Giusy di Divoratori di libri che si intitola:

2wq73ig-jpgUn'iniziativa che coinvolgerà una trentina di blogger e altrettanti autori. Che cosa significa nella pratica? Che per le prossime tre settimane circa i blog elencati a fondo pagina pubblicheranno articoli che riguardano i libri degli autori che hanno partecipato all'iniziativa. Per parte nostra dato che MekbudaMebsuta si occupa anche di recensioni abbiamo deciso di aderire sia come blogger che, naturalmente, come autori, per cui ecco qui i nostri calendari:

Post di MekbudaMebsuta

18 settembre - recensione di "1986" di Giuseppe Ottomano

24 settembre - recensione di "Fedele alla linea" di Nicola Fermani

25 settembre - recensione di "La medusa" di Romina Casagrande

Post su "Il serpente di fuoco"

16 settembre - presentazione de "Il serpente di fuoco" con intervista a me e Sara da parte di Monica B del blog Il mondo di M

29 settembre - recensione de "Il serpente di fuoco" da parte di Valentina Bellettini del blog Universi Incantati

Se "Il serpente di fuoco"  vi solletica seguite e commentate i post che lo riguardano perché abbiamo messo in palio due copie in giveaway! (...copie? ...ho scritto copie?)

Mi raccomando seguite tutto il blogtour sulla pagina facebook dell'evento!

Ecco qui i blog che partecipano:

Lily's Bookmark
Il tempo dei libri
Poppies Derma
Universi Incantati
Sweety Reviews
Libera tra i libri
Palle di neve di co
Cronache di Betelgeuse
I miei magici mondi
Leggere tra le nuvole
Milioni di particelle
Libri di Cristallo
Libri d'Incanto
No books no life
Pagine a merenda
The Paradise of books
Il salotto del gatto librario
The book of writer
La lettrice sulle nuvole
Ikigai
Il mondo di M.
Woman at work
Bookish Brains
Camminando tra le pagine
Se solo sapessi dire
La biblioteca di Eleonora
Secret life of a Potterhead girl
The reading Pal
Rachel Sandman Author
Divoratori di Libri
Labirinti della mente
Melina
Cercatrice di storie
Una pausa di lettura
Carta e penna
I wanna be a fangirl 

 

Share

Con l'arrivo di settembre riprendiamo le fila del blog, con una recensione del libro di "Dopo cinquecento anni" di Valentina Capaldi pubblicato da Watson. Per quanto riguarda le "grosse novità" annunciate nel post precedente invece vi chiediamo di resistere alla curiosità ancora qualche giorno!

copertina-dopo-500-anni2

Trama: Inghilterra 1509 il demone Rakgat viene tramutato in umano da un gruppo di streghe.  Gli rimangono occhi inquietanti, forza eccezionale e immortalità. Le stesse streghe hanno trasformato in nano l’umano Tighe, rendendo anch’esso immortale. Rakgat ha scarsa dimestichezza con il mondo degli umani perciò accetta di stringere con Tighe un patto di sangue che li porterà alla ricerca di una soluzione per entrambi. Rakgat un idea ce l’ha: deve trovare il demone Guardiano, colui che ha la chiave per la porta degli inferi, ma prima ha bisogno di scoprire chi è e dove si trova. A Parigi interpellando Coemgen, un demone che vive da molti anni sulla terra dove conduce una bottega di sarto, scoprono che il guardiano è Tarb, un acerrimo nemico di Rakgat: tornare negli inferi rischia di non essere cosa facile.

Dopo cinquecento anni è un’avventura lineare, scritta con un linguaggio semplice ma efficace, con un narrato veloce che va al sodo senza perdersi in troppe descrizioni. Soprattutto è un libro divertente le cui cifre generali sono innanzitutto leggerezza e ironia, per cui consiglio di astenersi a tutti coloro che sono in cerca di oscuri demoni romantici: qui siamo più dalle parti del picaresco, i conti si regolano a suon di mazzate, con la giusta dose di cinismo e scorrettezza che ci si aspetta da una creatura demoniaca.

Rispetto alle due macro partizioni del libro ho preferito la prima ambientata nel 1509 alla seconda ambientata ai giorni nostri. Se la prima ha il respiro arioso di un’avventura che ci porta in giro per mezzo mondo, la seconda, nettamente più breve, si incarica non solo di portare il romanzo a risoluzione, ma anche di descriverci l’intero arco del protagonista attraverso l’introduzione di due personaggi nuovi piuttosto importanti che però, compressi in poche pagine, finiscono per essere un po’ stereotipati. Niente di grave, comunque sia: il libro regge lo stesso bene fino all’ultima pagina.

Bella la copertina e buono l’editing (ho intercettato solo un paio di refusi) e un applauso anche per il prezzo popolare praticato dalla casa editrice.

quattro

Autore: Valentina Capaldi

Titolo: Dopo cinquecento anni

Casa editrice: Watson

Prezzo: 10€

 

Share

Agosto, nell'altro emisfero lo chiamano inverno (cit. Perturbazione).
Tutto rallenta, con le ultime energie residue si agganciano le agognate ferie, si ricaricano le batterie e si fanno progetti per l'autunno.
Noi in realtà abbiamo iniziato per tempo  e almeno in parte li abbiamo già fatti, per cui vi possiamo lasciare con una sibillina anticipazione: sul fronte del Serpente di Fuoco si preparano grosse novità.

Buon agosto a tutti!

 

Share

Oggi voglio allietarvi la giornata con una bella recensione tripla. Ce l'avevo in caldo già da un po', ma non riuscivo a trovare il tempo materiale per pubblicarla: l'oggetto della recensione è la trilogia dell'area X di Jeff Vandermeer uscita per Einaudi nel 2015.

Trama: da venti anni circa una zona costiera, nei paraggi di un faro è inaccessibile all’umanità. La versione ufficiale parla di un disastro ecologico, la realtà del formarsi di un’anomalia che potrebbe avere qualcosa a che fare con un’invasione aliena. Per tutto questo tempo un’agenzia governativa con sede ai margini dell’area che è blindata da una barriera invisibile che distorce lo spazio/tempo tranne che per un esiguo pertugio, ha cercato di scoprire qualcosa di più mandando scienziati e militari in spedizione al suo interno. Pochi tra loro sono tornati, e di norma sono così cambiati da non sembrare più loro.

Annientamento Annientamento il primo dei tre libri si svolge tutto all’interno dell’area, dove una spedizione di quattro donne di cui non conosciamo il nome ma soltanto il ruolo (la biologa, l’antropologa, etc.) si  preparar a scendere in un bunker dove una scala a chiocciola scende nelle profondità della terra e su un muro uno strano vegetale riproduce la forma di un sermone folle e incomprensibile. E’ un inizio folgorante, dal fascino arcano che riempie di sconcerto. Ed è questo senso di alienità che porta avanti tutto il primo, per certi versi perfetto, libro della trilogia. Cento ottanta pagine di puro mistero, che ci lascia alla fine con all’incirca le stesse domande che ci ponevamo all’inizio. Ma data la storia è naturale, e poi ci sono altri due libri per chiarire.

cinque2

autoritaAutorità il secondo dei tre libri la prende più larga, siamo fuori dall’area X nell’agenzia che si occupa di studiare il fenomeno. Scopriamola donna che guidava la spedizione del primo libro, guidava anche l’agenzia. L’interim della direzione viene affidato a un esterno che nel passato si è distinto per il suo scarso rendimento. L’agenzia è di fatti fatiscente, un cimitero degli elefanti bianchi in cui nessuno investe più perché è un progetto che non pare dare alcun frutto. Vi aleggia un umanità residuale, spesso sul confine labile tra follia e sanità mentale. Cominciamo anche a sapere qualcosa di più sul passato dell’area X e forse a farci un prima idea di quello che possa essere accaduto. Il libro è cento pagine più lungo del primo, più lento, il mistero si diluisce nel profilo di personaggi (specie il protagonista) onestamente meno interessanti. Alla fine qualcosa si mette in moto, ma la noia ha già avuto il sopravvento. Comincio a sospettare la bufala.

tre

accettazioneAccettazione, l’ultimo libro della serie viaggia su piani temporali diversi e paralleli: presente, passato prossimo e passato remoto dell’area X si inseguono alla ricerca di una spiegazione, di una rivelazione che è sempre una pagina più avanti di noi.  La scrittura è, come per tutti e tre i libri, piacevole per la maggior parte ma malevolmente infestata di metafore stucchevoli. Nel complesso l’opera regge a fatica le sue 300 pagine e si sfilaccia, si sfalda sotto il peso della sua sovrabbondanza.  Qualcuno afferma che l’area X sia una metafora degli “insondabili abissi della mente”, qualcun altro ci vede “il nebuloso territorio della relazione tra un uomo e una donna”. Vandermeer per parte sua si guarda bene dallo spiegarci di cosa stava parlando. E tutto sommato è meglio così, perché alla fine è chiaro che l’unico finale che può spiegare qualcosa ha quell’andare metafisico che a chiusa di storia a cui la casa editrice ha cancellato dalla copertina l’etichetta “fantascienza” per non spaventare i lettori (ma che comunque quello è) lascia quasi sempre l’amaro in bocca.

dueemezzo

Autore: Jeff Vandermeer
Titoli: Annientamento, Autorità, Accettazione
Casa editrice: Einaudi
Prezzi: 16€, 17€, 17€

Share

E’ giunto il momento di presentarvi gli scritti di Murgo. Anzi forse abbiamo indugiato anche troppo dato che da lui prendono il nome la serie di storie (non ci stanchiamo di specificarlo: autoconclusive) di cui fa parte il Serpente di Fuoco. Per sapere chi è Murgo vi rimandiamo alla sezione omonima, in questo contesto basta sapere che si tratta di un viaggiatore che ha visitato Città del Sole e ha trascritto i suoi appunti e le sue impressioni nelle pagine di un diario.

Ciò detto, ci tenevamo a rinnovare il nostro ringraziamento a Stefano Paolini che oltre ad aver lavorato sulla copertina ha messo a disposizione le immagini della Namibia pubblicate fin qui nei post relativi a “Il serpente di Fuoco”.

E ora… buona lettura!

Dalle "Cronache di Murgo il Ramingo"

Il popolo di Città del Sole è così peculiare che non mi è mai capitato di incappare in un altro altrettanto stravagante. Essi vivono nel deserto in un isolamento così completo da non concepire quasi la possibilità di ricevere la visita di uno straniero. E in effetti il deserto si sussegue per molte decine di leghe intorno alla loro città senza un’oasi o una sorgente.

Contrariamente ai rari abitanti che vivono ai margini del deserto, gli abitanti della Città del Sole sono di carnagione chiara, per quanto costantemente arrossata da un sole intollerabile, e il colore dei loro capelli va da un castano chiaro a un biondo quasi bianco: il che lascia pensare che il deserto non sia il loro luogo d’origine.

0949

L’indole degli abitanti di Città del Sole è del tutto pacifica dal momento che la loro società è basata su un radicale rifiuto della violenza. Essi imparano infatti fin da bambini a ripudiare e temere persino il sentimento di rabbia, in quanto lo ritengono all’origine del piano inclinato che conduce all’aggressività e alla prevaricazione.

La loro società è per lo più basata sull’agricoltura ed è fortemente paritaria, tanto che l’uso della moneta è sconosciuto. Oltre ai contadini e agli allevatori, infatti, non vi sono che un pugno di artigiani il cui lavoro è comprato per baratto. Una categoria a parte sono gli esploratori, gli unici ad allontanarsi mai in maniera rilevante dalla città.

Nel Palazzo del Sole vive infine il Re con la sua famiglia, insieme a una scarna servitù e a poche altre figure di rilievo: un sacerdote e un capo costruttore, che loro chiamano Magistrato alle Acque, e i loro apprendisti. Né il Re né la sua famiglia escono mai dal Palazzo, inoltre, cosa a mio avviso sommamente inconsueta, essi non paiono avere nessuna reale facoltà di comando. Il ruolo del Re è in sostanza quello di un medico a cui i cittadini si rivolgono, però solo per curare le malattie più gravi, mentre per i malanni più lievi essi sono aiutati da popolani esperti nell’uso delle erbe chiamati speziali.

A dispetto del loro isolamento, gli abitanti di Città del Sole sono intellettualmente assai progrediti nonché benedetti da una rara inclinazione alla razionalità. Conoscono la scrittura e la matematica, tutti i bambini ricevono un’istruzione, e i più brillanti possono scegliere di divenire apprendisti artigiani e sacerdoti. Le uniche cariche strettamente dinastiche, passanti per linea di primogenitura sia maschile che femminile, sono il Re e il Magistrato alle Acque.

Share