Vai al contenuto

In attesa di pubblicare il prossimo weekend la prima recensione del progetto Fantastico italiano, scrivo questo breve post di aggiornamento sulle nostre attività degli ultimi quindici/venti giorni, che sono stati piuttosto intensi.

16708666_10210571721041003_5256959864188171114_n 16508462_10210571718640943_2071752567327766448_nCominciamo da qualche foto della presentazione dell’11 febbraio Emily Bookshop per il nostro archivio. E’ stato un bel pomeriggio, le letture di Andrea e Chiara hanno arricchito molto l’evento e il pubblico ha risposto entusiasta con diverse domande finali.
Siamo in trattativa per replicare la presentazione con letture di qui a un paio di mesi, forse alla biblioteca di San Damaso.

Dopo la presentazione siamo andati a cena insieme ai soci dell’associazione i Semi Neri, di cui anche io e Sara facciamo parte, per cominciare a definire i contorni della prossimo progetto che porteremo avanti con loro. Come nelle corde dell’associazione sarà un progetto che ha un taglio storico e un forte legame con il territorio. Manteniamo per ora il riserbo sui dettagli.

Lo scorso weekend siamo invece stati a BUK, che per noi è sempre una fiera di grande piacevolezza, sia quando vi abbiamo prendiamo parte da “protagonisti” (facciamo “comparse”…) sia quando, come quest’anno siamo soltanto dei semplici spettatori. A seguire il bottino mio e di Sara, rispettivamente.
buk116722767_10210589841375689_2846794632472666503_o

Da segnalare, sempre nella disamina di questi giorni, anche la nostra intervista uscita su Modena Today.
Infine, avremmo  anche delle ottime notizie sul fronte del laboratorio Xomegap… ma non le posso dare perché l’annuncio ufficiale andrà fatto sul sito dedicato, per cui mi taccio immediatamente!

Share

Oggi finisce l'avventura del nostro primo blog tour. Ringrazio di nuovo Giusy di Divoratori di Libri per averlo organizzato, devo dire che per me è stata un'esperienza molto interessante.
Come promesso qualche fortunato lettore vincerà una copia di ogni libro da noi recensito.
And the winners are...

Per 1986 - Angela Greco

untitled-3
(estrazione effettuata da Gioia Assanagora, che ringraziamo)

Per Fedele alla linea - Laura Colucci, unica candidata

Per La Medusa - Dory A.

estrazione-la-medusa

Verrete contattate dagli autori per la spedizione.

Non mi resta che augurarvi buona lettura e se avrete voglia, alla fine tornate a dirci se vi sono piaciuti 🙂

Share

Agosto, nell'altro emisfero lo chiamano inverno (cit. Perturbazione).
Tutto rallenta, con le ultime energie residue si agganciano le agognate ferie, si ricaricano le batterie e si fanno progetti per l'autunno.
Noi in realtà abbiamo iniziato per tempo  e almeno in parte li abbiamo già fatti, per cui vi possiamo lasciare con una sibillina anticipazione: sul fronte del Serpente di Fuoco si preparano grosse novità.

Buon agosto a tutti!

 

Share

2

La decisione di aprire questo blog si lega al fatto che il 24 maggio uscirà per Delos Digital il primo libro della serie “Le cronache di Murgo il Ramingo”, un romanzo autoconclusivo che si intitola “Il serpente di fuoco”.
Potete già leggere qualcosa riguardo a Murgo nel menù a lato, e molto vi parleremo de "Il serpente di fuoco" strada facendo. Per non dire del fatto che ovviamente potrete sapere tutto (o quasi) leggendo il romanzo non appena sarà disponibile.

vascello

Questo post in particolare però dovrebbe servire a chiarire perché abbiamo aperto un blog intitolato Mekbuda/Mesbuta piuttosto che costruire uno spazio che si richiamasse direttamente alla serie.
Sia io che Sara in passato abbiamo tenuto un blog personale (il mio si chiamava “Melted dog”, il suo “Creatura incostante”), nati e morti a poca distanza l’uno dall’altro, hanno totalizzato all’incirca tre anni e mezzo di vita ciascuno.
Tenere un blog però, specialmente se lo si fa da soli e si ha la pretesa di scrivervi contenuti originali di qualche qualità, è un impegno non indifferente, eppure la voglia di condividere un’idea, un sentimento, un film, un libro, un luogo, reale o immaginario che sia, non è mai venuto meno.
Per questo, con l’intento di spartire gli oneri e mettere a fuoco meglio gli argomenti, abbiamo deciso di riprovarci.
Che sia un lungo e buon viaggio!

 

Share