Vai al contenuto

Rieccoci qui… di nuovo.  Siamo ancora vivi anche se magari iniziavate a pensare il contrario. Per motivi diversi sia per me che per Sara è stato un autunno un po’ molto complicato, e il progetto del blog è rimasto al palo come un po’ tutto il resto del nostro mondo legato alla scrittura. Però ci teniamo a non abbandonarvi, per cui ecco che oggi spariamo nell’etere un’altra recensione. Questa volta si tratta della serie tv del momento targata Netflix, ovverosia Dark.

Trama: anno 2019 a Winden, sonnolenta cittadina tedesca cresciuta all’ombra di una centrale nucleare,  da un paio di settimane è scomparso un ragazzo di nome Erik. Jonas ritorna a scuola dopo due mesi di assenza per stress post traumatico causato del suicidio del padre e quella stessa sera insieme al migliore amico Bartosz e ai tre fratelli Nielsen (Marta, ragazza di Bartosz, il maggiore Magnus, e il piccolo Mikkel), si recano all’imboccatura delle grotte per recuperare la droga che Erik aveva nascosto in una poltrona abbandonata. Un rumore proveniente dalla caverna li mette in fuga e nel trambusto che segue scompare anche il piccolo Mikkel. E’ l’inizio di una vicenda che coinvolge la storia di quattro famiglie: i Nielsen, i Tiedeman, i Doppler e i Khanvald  tra 1953, 1986 e 2019.

Commento: raccontata così potrebbe sembrare un dramma famigliare, ma in realtà siamo nel campo della fantascienza. Il 1953, il 1986 e il 2019 sono i tre anelli concatenati di un loop temporale della durata di 33 anni, collegati da tunnel sotterranei scavati nelle grotte di Winden. C’è qualcuno che fa sparire i ragazzi e li utilizza per esperimenti sui viaggi nel tempo. C’è qualcuno che vuole riscrivere la storia per cambiare il presente e il futuro. C’è qualcuno che ancora insegue i suoi desideri e rancori di ragazzo. Ma, in un modo o nell’altro, quasi nulla è come appare. Dark è un’opera intensa, drammatica, dalla fotografia livida, che si prende tutto il tempo necessario per tratteggiare i personaggi, le loro relazioni ed ossessioni e ce li restituisce attori di una storia complessa e corale, a tratti difficile da seguire. Non è un’opera perfetta, ogni tanto la cinghia di trasmissione tra gli eventi slitta, le motivazioni di certe scelte appaiono poco decifrabili e alcune soluzioni appaiono discutibili. Ciò nonostante è un’opera affascinante, che mi ha molto appassionato. . Magnifiche la sigla e la colonna sonora.

Da sapere che, anche se non è priva di finale, se vogliamo sperare di avere qualche risposta in più su un numero di domande che restano aperte, dobbiamo sperare che producano la stagione due (ma direi che lo faranno, dato che la seria sta avendo un certo successo...). Concluderei dicendo che: se proprio vorranno farne anche una stagione tre, d’accordo, ma magari poi si fermino lì, e soprattutto che lo facciano un istante prima di essere travolti dalla sindrome Lost e buttare tutto in merda.

Share